Chi saranno i giudici di X-Factor 13

Le nostre indiscrezioni su chi si affiancherà ad Achille Lauro e Joe Bastianich.

Anno di novità ad X-Factor 13: a spandere a grandi manate la loro conoscenza musicale interverranno infatti nuovi raffinati critici, in un fenomenale scontro a colpi di eleganza con Elettra Lamborghini già pronta a twerkare sulla poltrona in pelle di The Voice. Sicuri che ci saranno Achille Lauro a sponsorizzare la ddroga e Joe Bastianich a lanciare piatti verso i concorrenti, abbiamo chiesto alle nostre solite fonti quali potranno essere i giudici restanti.


I giudici di X-Factor 13 – I Gipsy Kings

Il cantautore ispanico è una gradevole costante per X-Factor e per il lancio delle hit nei palinsesti estivi delle radio italiane. Dopo aver sondato la disponibilità di Sean Paul e di Iglesias, troppo impegnati a vivisezionare culi su ritmi raggaeton, la produzione ha messo sotto contratto i Gipsy Kings, tutti i Gipsy King, in superiorità numerica anche rispetto al pubblico e accalcati l’uno sull’altro dietro il tavolo in una riproduzione in HD dell’Ultima Cena. Grandi baraonde a ogni vittoria dei ballottaggi per i membri del loro team, i gruppi vocali over 60, e riproposizione in finale del grande classico Hotel California con il testo in inglese sbagliato.


I giudici di X-Factor 13 – Il presidente Ferrero

Un atto di sfida alla tv d’inchiesta dei poveri, come Striscia: con accanto Achille Lauro che è accusato di sponsorizzare subliminalmente l’ecstasy ma che fa di tutto per dire di sballarsi semmai dell’amore dei suoi fanS, Ferrero passa il prime time riverso sul tavolo a sniffare e rialzandosi soltanto per urlare ai giudici avversari di essere assistiti da San Culino. Grande momento di commozione quando il vocalist degli ospiti Boombadash viene scambiato per Gianluca Vialli.


I giudici di X-Factor 13 – Danilo Bertazzi

Tonio Cartonio sarebbe un ottimo giudice di X-Factor. Ottimo. Uno di quelli sempre a mille, nemmeno avesse fatto un uso eccessivo di scivolizia. Danilo Bertazzi, il suo alter ego di cittalaggiù, assumerebbe invece il ruolo di giudice dolce e pacato, ma dai giusti momenti di esaltazione. Alla Mara Maionchi. Nel Fantabosco d’altronde le canzonette erano usate spesso per allietare i bambini, quindi la critica musicale non sarebbe sicuramente cosa nuova per il gestore del peggior bar dei pomeriggi di Rai3. Un grande intrattenimento per una grande platea. Dalle recenti foto da crossfitter su Instagram ipotizziamo anche che Bertazzi sarebbe il perfetto destinatario dei reggipetto femminili, metaforicamente recapitati oggi a Manuel Agnelli. Chissà se però apprezzerebbe.


I giudici di X-Factor 13 – Davide Mengacci

Dopo innumerevoli anni in giro per le cucine e per i villaggi italiani, arriva finalmente l’apice della carriera di Mengacci, pronto a ripercorrere le orme del figlio Rudi Zerbi. Mengacci non è peraltro nuovo al dover emettere giudizi: già nel 2017 è stato giurato delle Olimpiadi della tv, speciale Uomini & Donne. Un vero e proprio uomo dello spettacolo, con quella sua voce stridula e insopportabile e quella sua espressione sempre piena di allegria immotivata. La sua location per i boot-camp? Probabilmente Montagnana (PD), dove fece già tappa con il sabato del villaggio assieme alla sua fedelissima Mara Carfagna, oggi finita su ben altre sedie: quelle del parlamento.


I giudici di X-Factor 13 – Liberato (quindi Roberto Saviano)

Circondato da un cono d’ombra perpetuo, all’angolo, ci potrà essere anche l’ignoto Liberato, quello che canta napoletano, che sta sempre col cappuccio e il giubbino di Jeans neanche fossero ancora cominciati gli anni 2000. Non sarà facile mantenere l’anonimato. Si dice che parlerà con l’ausilio di Loquendo, quel programma di lettura vocale di Windows XP, così da alterare la sua voce. Il volto verrà invece pixellato grazie a una post-produzione in real time. Chi sia Liberato, però, noi lo abbiamo già scoperto, giungendo alla conclusione che si tratti di Roberto Saviano. Insomma, Saviano, a cui probabilmente sarà assegnata la categoria “neomelodici affiliati alla camorra”, finisce a garantirsi un posto fisso in tv, alla faccia del Reddito di Cittadinanza e di salvini. Per i boot-camp, prenotato il salotto milanese di Fabio Fazio.


I giudici di X-Factor 13 – Il Buco Nero Pawahi

Un punto di vista eterno, imperscrutabile. Un occhio di Sauron, sempre lì, a osservare tutti quanti. Il nulla cosmico, come degna prosecuzione del contenuto delle scatole craniche della Ventura, della Tatangelo e di Arisa. Un rendering sfocato, non dissimile da come Morgan vedeva qualsiasi altro giudice dopo essersi caricato per la prima serata. Non interagisce, non dà nessuna indicazione: i concorrenti della sua squadra vanno avanti con una sorta di autogestione anarchica simile alla Democracia Corinthiana dei tempi di Socrates, e ne tributano la nomenclatura hawaiiana con Over The Rainbow di Israel Kamakawiwo’ole e il vero scopritore con Black Hole Sun. Come un solenne Alessandro Borghese ribalterà i risultati, quando arriveranno i suoi insindacabili giudizi tra 106 milioni di anni.

 

Il Branco

Il Branco

Siamo senz'altro scontrosi e antisociali, tuttavia a volte abbiamo degli interessi in comune. E scriviamo a più mani i nostri articoli.
Il Branco

About Il Branco

Siamo senz'altro scontrosi e antisociali, tuttavia a volte abbiamo degli interessi in comune. E scriviamo a più mani i nostri articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *