Lite tra Morgan e Bugo: a Sanremo 2020 si vola

morgan tira simpaticamente l'orecchio a bugo prima di sanremo 2020

Morgan che insulta stile dodicenne, Bugo che se ne va. Momenti di altissima poesia. Anche quest’anno Sanremo dà sadiche soddisfazioni

Ieri sera decido di resistere fino alla fine. È l’una di notte inoltrata. Lascio Sanremo in sottofondo e leggo le gesta di quell’adolescente troppo cresciuto di Geralt di Rivia.

Morgan e Bugo vengono annunciati. Alzo lo sguardo verso il televisore. Morgan con gli occhiali da sole e giacca leopardata. “Ok, niente di così strano” penso. Ma dove cavolo è Bugo? È un po’ indietro, viene richiamato. “Avrà avuto un contrattempo con gli auricolari” penso, vedendo che armeggiava con qualcosa.

Inizia la magia.

Morgan percorre le scale dell’Ariston con un foglietto in mano. Prende posizione. Non aspetta nemmeno che Bugo arrivi al centro del palco. Inizia a cantare. C’è qualcosa che non mi quadra, ma non ci faccio caso. “Sarà ubriaco, fatto, boh, si sarà scritto il testo sul foglio e sta inventando le parole”, penso. A un certo punto, Bugo prende il foglietto che Morgan stava leggendo / cantando e scompare dietro le quinte.

Interdizione. La poesia di Sanremo si innalza a livelli estasianti.Che cazzo succede?” Penso. Ma lo pensano tutti, Amadeus compreso. Morgan che fa lo gnorri è degno del miglior Oscar non protagonista.

amadeus e morgan

“Morgan questo non è un villaggio turistico”. Un cioccolatino scaduto a chi azzecca la semi-citazione

Immaginate: quasi le due di notte (se non proprio le due di notte, non ricordo, è tutto talmente fantastico e surreale che ho perso la cognizione del tempo), una puntata di Sanremo grossomodo liscia liscia e poi BAM, arriva la bomba (che scoppia e rimbomba).

Non si ripresentano sul palco. Morgan e Bugo sono ufficialmente squalificati.

L’indomani si chiariscono le dinamiche, capisco anche il testo modificato:

“Le brutte intenzioni e la maleducazione
la tua brutta figura di ieri sera
la tua ingratitudine, la tua arroganza
fai ciò che vuoi mettendo i piedi in testa
Certo l’ironia è una forma d’arte
Ma tu sai solo coltivare invidia
Ringrazia il cielo se tu sei su questo palco
Rispetta chi ti ci ha portato dentro
Questo sono io”

Momenti alti, si vola, si vola altissimo.

salvini citofona a bugo

Si parla di morsi, calci, sputi, insulti prima di salire sul palco. Praticamente una scena che ognuno di noi ha vissuto almeno una volta nella sua esperienza scolastica tra i 10 e i 12 anni. Se non è poesia questa, ditemelo voi.

Avremmo dovuto tutti capire le avvisaglie del giorno precedente, durante la serata delle cover. Morgan voleva fare tutto: cantare, suonare il pianoforte, dirigere l’orchestra e forse pisciare anche in testa a Bugo. L’ultima cosa non l’ha fatta, forse troppo complicata da attuare. Ma è stato un disastro, con quel povero Cristo che vagava per il palco senza sapere quando attaccare a cantare e quando lo faceva, lo faceva o in anticipo o in ritardo.

Squalificati ufficialmente da Sanremo 2020. Peccato. Ma noi vogliamo continuare a sognare. Magari montano un ring per l’occasione. Oppure scavano delle trincee. In redazione abbiamo già comprato 3 chili di popcorn, plaid, birra 0,5l da 30 centesimi. Pronti a sognare ancora. E a vedere anche l’alba, visto l’andazzo.

Andrea Mariano

About

Prigioniero degli anni ‘90, da tempo il soggetto in esame sfrutta il prodigio demoniaco chiamato internet per poter sproloquiare di ciò che lo appassiona e di ciò che lo cruccia, il tutto indossando camicia a quadri, Levi's 501 e Dr. Martens. Ha svolto tutto ciò su SpazioRock.it dal 199... dal 2010 al 2016. Ora è qui (ma va?). Odora leggermente di cavolo (cit. Theme Hospital)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *