Bonding: quando le care vecchie tette sono fuori moda

Una studentessa universitaria diventa dominatrice nella nuova microserie di Netflix

Stanno prendendo piede su Netflix diverse serie dal formato “nuovo”, diverso rispetto al solito; oggigiorno sembra quasi si possa parlare di stagioni pilota e non più di semplici episodi.

Ne è un fulgido esempio la nuova Bonding, la cui prima stagione – appena sbarcata su Netflix – vede sette episodi dalla durata di circa quindici minuti ciascuno.

Ma di cosa e di chi parla Bonding? Di una studentessa universitaria di giorno ed una dominatrice di notte. Ma soprattutto parla del suo assistente omosessuale Pete, che nel tempo libero evita di fare stand-up comedy in uno di quei locali alla Seven Show. Evita perché fondamentalmente è un insicuro ragazzo dai capelli rossi. Ma rimarrà tale? È tutto da scoprire.

Le care vecchie tette ormai sembrano essere andate fuori moda. Per eccitarsi c’è chi ha bisogno dei pinguini o di picchiare a sangue qualcuno o essere solleticato, però non nelle mutande. Insomma, Bonding racconta le avventure di Mistress May ed il fedele assistente affetto da rutilismo Pete / Carter alle prese con le manie più insolite. I piedi di Peppe Fetish possono accompagnare solo.

Bonding è talmente breve, che può essere gustata tutta d’un fiato, una breve ed ulteriore conferma di come funzioni benissimo l’accoppiata sesso-comicità su Netflix. Decisamente consigliata.

Francesco Benvenuto

Nato improvvisamente nel 1993 in quel di Puglia, si trasferisce precocemente nella Capitale, dove studia fino a diventare aspirante laureato. Alla costante ricerca di passioni da coltivare, è giunto al punto di pensare che la sua prima passione sia “ricercare passioni”. Fiero possessore di un album autografato degli Eiffel 65. Scrive di altri, perchè non in grado di parlare di se stesso.
Francesco Benvenuto

About Francesco Benvenuto

Nato improvvisamente nel 1993 in quel di Puglia, si trasferisce precocemente nella Capitale, dove studia fino a diventare aspirante laureato. Alla costante ricerca di passioni da coltivare, è giunto al punto di pensare che la sua prima passione sia “ricercare passioni”. Fiero possessore di un album autografato degli Eiffel 65. Scrive di altri, perchè non in grado di parlare di se stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *