Re:Mind: quando lo spoiler rispamia lo strazio

“Dopo ‘sta seriaccia, se po’ di’ che i giapponesi devono limitasse a nun coce er pesce”.

Ce stanno certe cose che me mandano fori de testa al punto che me torna difficile poi scrive bene e usa’ l’italiano coretto. Ce stanno certe cose che proprio nun ce riesco a racconta’ senza scrive romano. Una de queste è ‘sta ciofeca de serie Netflix che se chiama Re:Mind. Cioè, già nel titolo ce sta er gioco de parole, capito? E pure in inglese, pensa te. Vabbè queste so le considerazioni mie dopo ‘ste quattro ore d’agonia.

Re:Mind è ‘na cinesata, però fatta in Giappone.

In pratica, ci stanno certe regazzine che so’ compagne de classe a scola, ma stanno tutte legate pii piedi e costrette a ‘na tavola. E allora queste, piano piano, devono cerca’ de capì che sta a succede, devono riflette e rimugina’ su quanto hanno fatto ‘ste pore cristiane. Però nel mentre ne succedono una peggio dell’altra: e prima ce sta er topo che cammina pe tera; e poi ce sta l’acqua che esce dal pavimento; e poi ce sta un tipo strano che le fa magnà. Il problema però sorge quando tutte ‘sta cose se presume debbano fa’ paura: ma io dico paura de che, cioè me po’ mai fa paura mpochetto d’acqua che me esce da per tera? Potrei capi’ se fosse l’acqua de fogna, tutta zozza e piena de m****, però qua se rasenta er ridicolo. C’è da dì che nel frattempo ‘ste regazzine spariscono, ma ‘ndo finiscono nun se sa. In pratica se scopre, e qui mezzo mezzo parte lo spoileretto, che ‘ste tipe so bulle e hanno fatto cadè pe le scale ’n’amica loro che poi è finita pure su ‘na carozzella. ‘Sta poraccia s’è sdrumata popo male, ma roba che nun cammina più e la pijano pure pe’ culo.

remind

…esattamente.

Certe serie saranno pure belle, saranno pure interessanti, ma t’acchiappano il giusto e c’è da di’ che vanno pure sapute fa. Perché Re:Mind ce prova fino all’ultimo a esse ‘na serie avvincente, ce prova ma nun ce riesce. Te coinvolge solo perché ao, a ‘na certa voi capì pure te che sta a succede, quindi è ‘na serie che continui solo perché l’hai iniziata, mica perché te va. Re:Mind è un mezzo thriller/horror che però nun c’ha niente dei thriller e niente degli horror: ‘na serie girata co un budget de 100 euri, giusti giusti pe affittà dal negozio de sanitaria la carozzella che se vede in du puntate.

Vabbè insomma, pe’ falla breve, gira che te rigira, nun se capisce bene bene perché stanno lì. Tant’è che pure il finale lascia ‘mpo d’amaro in bocca, ma no l’amaro del capo che sarebbe pure bono: proprio l’amaro, tipo quello che te senti in bocca la matina dopo ‘na cena de cotiche e facioli e contorno de friggitelli.

Francesco Benvenuto

Francesco Benvenuto

Nato improvvisamente nel 1993 in quel di Puglia, si trasferisce precocemente nella Capitale, dove studia fino a diventare aspirante laureato. Alla costante ricerca di passioni da coltivare, è giunto al punto di pensare che la sua prima passione sia “ricercare passioni”. Fiero possessore di un album autografato degli Eiffel 65. Scrive di altri, perchè non in grado di parlare di se stesso.
Francesco Benvenuto

About Francesco Benvenuto

Nato improvvisamente nel 1993 in quel di Puglia, si trasferisce precocemente nella Capitale, dove studia fino a diventare aspirante laureato. Alla costante ricerca di passioni da coltivare, è giunto al punto di pensare che la sua prima passione sia “ricercare passioni”. Fiero possessore di un album autografato degli Eiffel 65. Scrive di altri, perchè non in grado di parlare di se stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *