Animali Notturni, la fine dei vent’anni dei FASK

I Fast Animals And Slow Kids in una immagine dalle tinte violacee e rosso scuro

Crescere e invecchiare fa schifo. Ma va bene anche così.

I Fast Animals And Slow Kids, quelli che vengono da Perugia, quelli dei concerti per cui io oramai sono fuori target (visti a Rimini nel 2017, ero il più vecchio, e avevo 30 anni). I FASK, quelli che ogni tre per quattro è un pogo e uno stage diving. I FASK, quelli che con “Animali Notturni” abbassano leggermente i toni.

Non è una critica, non è (necessariamente) un difetto. Si cresce, dieci anni sono tanti, soprattutto se lo stacco è tra i 20 e i 30 anni. Quello sì che è uno stacco bello e buono, brutto e cattivo. Passi dal voler strafare al dover strafare, dal pensare a cosa realizzare al pensare a cosa arrabbattare. “Quanto sei pessimista“, direte. Forse, ma la differenza sostanziale è il cinismo che aumenta, il che non significa essere anche pessimisti. I FASK sono ancora quelli che vengono da Perugia, sono ancora quelli che ogni tre per quattro fomentano il pogo, ma, forse, faranno qualche stage diving in meno. Perché si ragiona un pochetto di più.

Ho letto da qualche parte che, sentendo “Animali Notturni”, sembra di ascoltare Ligabue. Non so come siano riusciti a entrare in possesso di un ipnorospo e a leccarlo così tanto, ma non esageriamo. Anzi, non tiriamo in aria puttanate di invereconda nefandezza. I FASK qui hanno suoni più morbidi, complice una produzione che somiglia (purtroppo) a quella del nuovo disco degli Ex-Otago, è vero, ma rimangono il baluardo di quello che davvero un tempo poteva chiamarsi “indie”, prima delle tachipirine e prima del sole di Riccione. Per questo preferisco indicarli come Alternative Rock: cambiano, ma rimangono fedeli a quel filone oramai scomparso. Per i nostalgici, un buon album, per i fan, un buon album, con qualche richiamo ai FASK più classici (“Demoni”, “Un’Altra Ancora”), anche se più morbido.

Azzardo dell’ultimo momento: sono, per la generazione dei 20-26 anni odierni, quello che sono stati i Tre Allegri Ragazzi Morti 20 anni fa: una finestra su ciò che accade e che, nella apparente banalità, è importante nel quotidiano di noi post-adolescenti (mai) troppo cresciuti.


ABBIAMO PARLATO DI…

Cover Animali Notturni dei FASK - Scritte al neon nella notte

Fast Animals And Slow Kids
ANIMALI NOTTURNI

Alternative Rock, Parlophone / Atlantic 2019

01. Animali Notturni
02. Cinema
03. L’Urlo
04. Non Potrei Mai
05. Dritto al Cuore
06. Canzoni Tristi
07. Un’Altra Ancora
08. Demoni
09. Radio Radio
10. Chiediti di Te
11. Novecento

Andrea Mariano

Prigioniero degli anni ‘90, da tempo il soggetto in esame sfrutta il prodigio demoniaco chiamato internet per poter sproloquiare di ciò che lo appassiona e di ciò che lo cruccia, il tutto indossando camicia a quadri, Levi's 501 e Dr. Martens. Ha svolto tutto ciò su SpazioRock.it dal 199... dal 2010 al 2016. Ora è qui (ma va?). Odora leggermente di cavolo (cit. Theme Hospital)
Andrea Mariano

About Andrea Mariano

Prigioniero degli anni ‘90, da tempo il soggetto in esame sfrutta il prodigio demoniaco chiamato internet per poter sproloquiare di ciò che lo appassiona e di ciò che lo cruccia, il tutto indossando camicia a quadri, Levi's 501 e Dr. Martens. Ha svolto tutto ciò su SpazioRock.it dal 199... dal 2010 al 2016. Ora è qui (ma va?). Odora leggermente di cavolo (cit. Theme Hospital)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *