Lous And The Yakuza, la forza e l’energia della nuova stella della musica internazionale

Abbiamo assistito allo showcase della giovanissima Lous and the Yakuza e ce ne siamo follemente innamorati

Ciao In Media Rex, dopo tanto tempo finalmente torno a scriverti… Perdonatemi l’intro melodrammatica da diario adolescenziale, ma ci stava troppo bene. Torno a scrivere di musica dopo la mia seconda incursione nella sede della Sony di Milano, per lo showcase di Lous and the Yakuza e mi fa sorridere che l’ultimo articolo che ho scritto ad aprile parli proprio della mia primissima incursione in casa Sony.

Ma passiamo alle cose serie.

I più affamati di novità la conosceranno già. Lous and the Yakuza è la giovanissima cantante di origini congolesi autrice di Dilemme, il singolo uscito ad ottobre e già terzo nella Viral Italia di Spotify.

Copertina dilemme

Mi tocca fare pubblica ammenda, da brava bestiolina rockettara totalmente restìa alle novità non conoscevo Lous and the Yakuza, ma sono stata al suo showcase di ieri al Sony Music Club e ne sono rimasta assolutamente incantata.

Lousita Cash, in arte Lous and The Yakuza, ha 23 anni ed è originaria del Congo. Durante la sua vita ha rimbalzato più volte tra l’Africa e l’Europa e nei suoi brani racconta la sua storia, una storia turbolenta e dolorosa che l’ha segnata profondamente.

Dai 19 anni in poi Lous ha iniziato a vivere senza l’appoggio della sua famiglia, ha pubblicato tre EP ed è stata notata da El Guincho, il produttore di Rosalìa, che ha iniziato a collaborare con lei per la produzione dei suoi nuovi brani.

Dopo l’uscita di Dilemme, Lous and the Yakuza sta avendo un successo clamoroso in tutta Europa e anche qui in Italia, dove ha fatto la sua prima apparizione televisiva a Che Tempo Che Fa il 17 novembre.

Ma torniamo a ieri. Al momento dello showcase Lous entra nella stanza piena di giornalisti in punta di piedi, silenziosa e all’apparenza timida, ma con un fascino ed un’eleganza unica.

Durante lo show, oltre alla ormai celebre Dilemme, Lous ci presenta quattro inediti composti e scritti da lei che faranno parte dell’album Gore, in uscita a inizio 2020.

Tra questi ci sono Courant d’air e Tout est Gore, il suo prossimo singolo in uscita a dicembre.

Lous and the Yakuza

Lous ci presenta anche Dans la Hess, un brano che parla della vita nel ghetto. Hess infatti è una parola in slang che significa non avere soldi, essere in crisi.

Prima di finire lo showcase con Dilemme, Lous ci fa ascoltare l’ultimo dei quattro inediti, 4h du matin, una canzone struggente che parla di stupro in una doppia prospettiva. Nella prima strofa infatti la storia è raccontata dalla vittima, mentre la seconda strofa racconta la scena vista dal lato degli stupratori. Il testo è potentissimo, è davvero toccante per tutti sentire raccontare una storia del genere con la forza di cui Lous è capace.

Lous and the Yakuza

Tutti i brani sono intrisi di una forza e un’energia senza pari. Lous ha una voce potente e struggente, che cattura l’attenzione già dalle prime note. Anche guardarla è uno spettacolo. Oltre alle parole Lous racconta la sua storia con una gestualità e una mimica attenta e precisa, sorride e coinvolge il pubblico facendolo cantare, è una vera forza della natura.

Per vedere un estratto dello showcase cliccate qui!

Una volta finito lo showcase Lous va via così come è arrivata, leggera ed elegante, senza dare troppo nell’occhio.

La vedremo di nuovo in Italia il 2 aprile 2020, al Santeria di Milano. Pronti a prendere i biglietti?

Giada Corneli

Non ho mai abbastanza tempo, ma per far cosa poi? Eternamente in bilico tra quello che sono e quello che vorrei essere. Dormo poco, sogno troppo, mangio abbastanza.
Giada Corneli

About Giada Corneli

Non ho mai abbastanza tempo, ma per far cosa poi? Eternamente in bilico tra quello che sono e quello che vorrei essere. Dormo poco, sogno troppo, mangio abbastanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *