La casa di carta 4: Le peggiori citazioni

Le più condivise e terribili frasi della serie spagnola

Quarantena giorno 25: ho finito le serie TV da guardare. Così, incuriosita dalla nuova serie originale Netflix Freud, inizio a vederla. Guardo la prima puntata: una merda. Così prendo la decisione non di non continuarla ulteriormente. Spinta dalle storie di Instagram in cui TUTTI guardavano la quarta stagione de La Casa di Carte, inizio a farlo anch’io nonostante la terza stagione mi avesse lasciata perplessa.

Mentre guardavo le puntate, alcuni questioni occupavano la mia mente: cosa avrà fatto di male la musica italiana ad Alex Pina (ideatore della serie)? Perché far morire Berlino se poi ci sono più flashback che lo riguardano che evoluzione della storia? Ma soprattutto, perché lo sceneggiatore pare aver rubato le frasi da Tumblr?

Pur essendo certa che nessuna frase della serie possa mai superare in banalità la frase “sai cosa trovo attraente? L’intelligenza”, ho dedicato parte della quarantena ad appuntarmi le peggiori frasi della serie.


10. “La fidanzata di un amico è come un paese radioattivo: anche se passano mille anni continua ad essere un terreno incontaminato.”

Per la categoria similitudini con la donna: Chernobyl.


9. “Non basta amare qualcuno, devi arrivare in tempo.”

Sì ok ma dove?


8. “La cosa bella dei rapporti è che ti dimentichi di come sono iniziati.”

Arrivando in tempo.


7. “Il dolore è un usuraio, se contrai un debito con lui non lo estingui mai più.”

Con il dolore e con l’Agenzia delle Entrate.



6. “Il vero caos non fa rumore”

Frase di una banalità che fa rabbrividire. Ma comunque non la peggiore in assoluto: tutto sommato apprezzo lo sforzo di mettere un ossimoro.


5. “A volte la distanza è l’unico modo di trovare pace”

Questa frase può essere usata per mollare qualcuno cercando di non sembrare un figlio di puttana. A volte la distanza è l’unico modo di trovare pace is the new “non sei tu, sono io”.


4. “Si chiama nostalgia: scoprire che alcuni momenti del passato che non avevi considerato erano felici.”

È letteralmente la definizione di nostalgia, perché continuate a pubblicarla?


3. “Sapete cos’altro fa molta paura? Rientrare di notte da sola. Ma noi donne continuiamo a farlo. Prendiamo la paura per mano e continuiamo a vivere.”

Persino Freeda riesce a scrivere frasi pseudo-femministe migliori.


2. “C’è bisogno di più coraggio per l’amore che per la guerra.”

Sipario.


1. “Lei è una Maserati, tutti la vogliono avere. E se tu la perdi e la lasci per strada con lo sportello aperto e le chiavi inserite sei proprio fuori di testa.”

Vedo donne condividere con fierezza questa frase in cui la donna viene paragonata ad una macchina costosa (oggetto), le stesse che condividono la frase numero 3. Qualquadra non cosa.

 


Leggi anche:

La Casa di Carta 4: il Pagellone del colpo da boomer

Joy Musaj

About

Qualche volta scrivo articoli per giustificare la mia dipendenza da Serie Tv e dai Social Media mettendoci in mezzo termini di psicologia per dare un senso alla mia laurea triennale.

Lascia un commento