Calcutta Forum di, stanchezza ed emozioni della seconda serata milanese

Seconda serata non proprio brillante per Calcutta, troppe date una dietro l’altra stancano anche gli artisti migliori, anche se lui è l’unico a cui perdoniamo tutto.

Lunedì sera il forum di Assago ha assistito alla seconda e ultima data milanese di Calcutta, sold out praticamente da quando sono usciti i biglietti. Io sono riuscita ad accaparrarmi il parterre ed ero veramente entusiasta all’idea di godermi Calcutta in mezzo alla calca. Questa volta ho preferito non leggere articoli sulla serata precedente, per evitarmi nottate insonni come a Verona, e insieme al mio ragazzo ho iniziato a scommettere sugli eventuali ospiti. Io ho puntato (e sperato) tutto su Brunori Sas, anche se sarebbe stato troppo bello per essere vero, lui invece ha buttato lì i Pop X.

Il concerto è iniziato puntuale alle 20.30 con Bomba tv, la video apertura di Clavdio che ha suonato Ricordi e Cuore (raga, ma quanto è bella Cuore?) intervallato dai fantastici spot multilingue dell’acqua Parda, già adorati a Latina e a Verona.
Clavdio è ancora poco conosciuto, ma ad ogni inizio canzone nel forum si alzava un brusio compiaciuto, quasi come se tutti volessero dire “bella questa, la so!“. Un momento tenero, anche se ammetto che avrei preferito sentirlo dal vivo.
Comunque bravo Clavdio, la prossima volta ti vogliamo ad Assago!

La video apertura mi mancava, giuro.

Alle 21 -sempre puntualissimo- inizia il concerto. Come a Verona Calcutta entra con la band e gioca un po’con gli strumenti prima di iniziare a cantare. Parte alla grande con Briciole, seguita subito dopo da Kiwi. Poi Edoardo si ferma qualche istante per salutare il pubblico, è visibilmente emozionato, ma anche abbastanza stanco. Per lui è il terzo concerto di fila in tre giorni e si vede che è abbastanza provato, infatti capiamo quasi subito che sarà un concerto un po’più fiacco di quello di domenica. Lo stesso Calcutta ammette che la sera prima c’era stata qualche gag in più, anche perchè domenica si giocava la partita Napoli-Lazio. Prova a salvarsi in corner dicendo che il pubblico è più attivo rispetto al giorno prima, ma suona falso quanto i vari “questa è la città più bella del mondo!” di qualsiasi artista in qualsiasi luogo. Ma vabbè, Calcutta è Calcutta e gli perdoniamo qualsiasi cosa.

Il concerto continua, le canzoni si susseguono una dopo l’altra accompagnate dai video sul mega schermo, vere e proprie storie di supporto ai brani, ma di ospiti ancora nessuna traccia. Comincio a pensare che questa volta Calcutta calcherà il palco completamente solo, quando finita Cosa mi manchi a fare Edo esce di scena. Sul maxi schermo appare Fiorello in primo piano che bacchetta Calcutta per non voler cantare Oroscopo e cerca di convincerlo spalleggiato da niente meno che Paolo Fox. Tra le risate generali comincia la musica, ma sul palco non c’è ancora nessuno. Qualche secondo dopo ecco uscire… Frah Quintale. Scommesse perse, niente Brunori e niente Pop x, ma va bene lo stesso. Calcutta e Frah duettano su Oroscopo, poi qualche saluto veloce e via, si ricomincia il concerto.

Comunque vedere Frah Quintale sul palco mi ha fatto venire in mente il video de Le Coliche (se non lo avete visto è qui, guardatelo) in cui Calcutta stacca dal muro la foto de Lo Stato Sociale per sostituirla con Frah, che è più indie. Spettacolo.

Il concerto va avanti a classiconi, tutti cantano e si abbracciano sulle note di Del Verde, Arbre Magique, Gaetano e Frosinone,  fino ad arrivare all’ultima attesissima canzone, Pesto. Credetemi, sentire l’intero Forum urlare “Uè, deficiente!” ha qualcosa di magico.

Calcutta Forum di

Anche nei saluti finali Edo è di poche parole, sorride e va via, nessun bis, nessuna nuova entrata, solo l’audio di Saliva, che ahimè nella scaletta non c’era, suonata mentre le luci si riaccendono.

Alla fine sono senza voce per quanto ho cantato, Calcutta è sempre Calcutta, ma ammetto che sono un po’delusa. Sì, è stato un bel concerto ed è anche vero che tre concerti di fila sarebbero stati pesanti per chiunque, ma le mie aspettative dopo l’arena di Verona erano un po’diverse, speravo in qualcosina in più.

Comunque la serata è finita e posso andare a sbirciare chi è stato ospite durante il concerto di domenica. C’era Francesca Michielin. Ok, ho davvero sbagliato serata.

Giada Corneli

Non ho mai abbastanza tempo, ma per far cosa poi? Eternamente in bilico tra quello che sono e quello che vorrei essere. Dormo poco, sogno troppo, mangio abbastanza.
Giada Corneli

About Giada Corneli

Non ho mai abbastanza tempo, ma per far cosa poi? Eternamente in bilico tra quello che sono e quello che vorrei essere. Dormo poco, sogno troppo, mangio abbastanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *