De André canta la Trap. Ed è meraviglioso

de andre trap in media rex 1000

“Prendo sempre tre gusti, fumo un cono gelato” (Faber feat. Dark Polo Gang)

Che cos’è il genio? È fantasia, intuizione, decisione e velocità d’esecuzione. Ed ecco che nel giro di una settimana arriva lo sposalizio che non ti aspetti, la congiunzione astrale tra vita e morte che fondendosi crea qualcosa che si avvicina al Third Impact, imperioso, terrificante, purificante, pacificante.

Tale Gab Loter è colui che ha rintracciato l’anima di Fabrizio De André e l’ha drogata con iniezioni e sniffate di Trap. Una blasfemia.

No, non facciamo i finti moralisti, i finti integralisti. Questa è pura arte, puro colpo di genio. È il genio, fantasia, intuizione. Decisione e velocità d’esecuzione. Follia pura pensare di unire la vocalità di De André, il suo stile sommesso, scarno e imperioso con quello che a tutti gli effetti è la nuova epidemia musicale italiana. Il risultato è bellissimo.

Un utente di YouTube pone un’interessante riflessione: “Comunque io vorrei porre l’attenzione su un elemento in particolare. Avete notato come i testi di Sfera e compagnia bella se interpretati in maniera differente assumano una sfumatura molto più poetica e malinconica? È molto interessante… Che cos’è ciò che non piace alla gente? La melodia, l’attitudine, i testi? Può la stessa canzone, se stravolta completamente dalla versione originale, trasformarsi in un pezzo completamente nuovo? Se De Andrè avesse scritto e cantato veramente questa canzone, essa sarebbe stata giudicata banale e priva di significato come quella di Sfera Ebbasta? Sono gli artisti a creare il contesto o il contesto a creare gli artisti?”. Sapete che in buona parte ha ragione (anche nel quesito finale di matrice marzulliana): se fosse stato davvero De André a cantare oggi queste cagate, una frangia di intellettualoidi e irriducibili l’avrebbe di certo giustificata e spacciata per avanguardia deandreiana.

 

Dunque, non fate i perbenisti: questa è arte. Contemporanea, ma è arte. Pura follia. Ma arte e follia spesso vanno a braccetto. E sappiamo benissimo, io, noi e voi, che il trash spesso ci consegna perle di indubbia maestosità. Gab Loter che fa cantare la Trap a De André rientra in tutto ciò. Anche la pagina Facebook connessa a questi video, “De André canta la Trap”, inizia a sfornare piccoli capolavori, come i parallelismi tra i versi del buon Faber con quelli di Ghali e compagnia brutta.

Ripetiamo insieme: Che cos’è il genio?

 

Rispondiamo insieme: È fantasia, intuizione, decisione e velocità d’esecuzione.

Andrea Mariano

About

Prigioniero degli anni ‘90, da tempo il soggetto in esame sfrutta il prodigio demoniaco chiamato internet per poter sproloquiare di ciò che lo appassiona e di ciò che lo cruccia, il tutto indossando camicia a quadri, Levi's 501 e Dr. Martens. Ha svolto tutto ciò su SpazioRock.it dal 199... dal 2010 al 2016. Ora è qui (ma va?). Odora leggermente di cavolo (cit. Theme Hospital)

Lascia un commento